Nasce Ambanja Onlus

Un nuovo modo per dare energia e spazio alla tua solidarietà!


Chi Siamo

Ambanja Onlus è un’organizzazione senza scopo di lucro, nata nella primavera del 2012 grazie all’iniziativa di un gruppo di persone che, stimolate dal desiderio di dare concretezza e sostanza alla propria ‘ispirazione’ di solidarietà, hanno individuato nella costituzione della Onlus il modo più semplice e immediato per convogliare energie positive e propositive di volontariato sociale con la certezza di non disperderle in inutili, farraginosi e talvolta sconosciuti meccanismi.
L’idea e la missione dell’organizzazione è pertanto quella di aggregare all’iniziale sforzo personale di questo guppo, l’impegno spontaneo e la disponibilità di tutti coloro che desiderano realizzare dei progetti concreti e visibili che migliorino la vita di chi ne ha più bisogno.
L’attribuzione della qualifica di Onlus (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale) è già un impegno a rendere trasparente ed etico il modo di operare, le modalità con le quali si chiedono e ricevono contributi dai soci e sostenitori ed, ovviamente, il modo in cui si impiegano tali contributi.
La conoscenza diretta delle persone coinvolte in questa ‘idea’, il sapere chi sono e dove trovarle, la visibilità nella crescita ‘concreta’ dei progetti che via via andremo a sostenere rappresentano la certezza che il proprio ‘dare’ e il proprio ‘fare’ verranno incanalati direttamente e interamente nei nostri progetti di solidarietà. Senza dispersioni. Senza sprechi impropri.


Cosa intendiamo fare

Come in tutte le iniziative di questo tipo la scintilla, da cui deriva anche il nome della associazione, nasce da una idea concreta e urgente: aiutare la comunità di Ambanja, una cittadina situata nel nord del Madagascar, a mantenere e migliorare il proprio ospedale ‘Saint Damien’. Il modo concreto che abbiamo identificato per contribuire a rendere questa iniziativa adeguata alle finalità che persegue è quello di ristrutturare ed ampliare la ‘struttura ospedaliera’ al fine di garantire ad un sempre più ampio bacino d’utenza locale l’assistenza sanitaria di base, che attualmente risulta estremamente carente sia per i mezzi a disposizione che per le dimensioni della struttura.


Perché, tra tutte quelle possibili, proprio questa iniziativa?

Perché abbiamo conosciuto Padre Stefano Scaringella, il fondatore e direttore di questo ospedale. Perché Padre Stefano è una brava persona e ci fidiamo di lui. Perché Padre Stefano presta da sempre tutte le sue energie di sacerdote e medico all’assistenza del popolo malgascio di Ambanja, prima in un lebbrosario e, successivamente, nell’ospedale dai lui stesso fondato nel 1988, che offre, senza alcuno scopo di lucro e in un’ottica puramente umanitaria, servizi ai malati provenienti dall’area nord del Madagascar su un territorio di 50.000 kmq, carente delle più basilari infrastrutture, in particolare nel settore sanitario. Perché nell’ospedale di Padre Stefano lavora personale medico e paramedico locale, grazie ad una scuola per infermieri fondata anch’essa da Padre Stefano nel 2003, e questo permette alla popolazione l’accrescimento della propria identità personale attraverso l’impegno ed il lavoro. Perché secondo il Ministero della Sanità della salute del Madagascar si calcola che l’attività del centro consente di avere circa 1.000 morti in meno ogni anno nella zona di riferimento del Centro Medico e noi desideriamo fortemente che questi 1.000 morti in meno diventino 2.000 e più. Perché la vita di questo ospedale si basa interamente sul contributo economico di sostenitori e benefattori, senza alcuna sovvenzione governativa.
E infine, perché sappiamo costruire! E quando in un progetto si mettono in campo le proprie migliori qualità, il progetto è già destinato al successo.


Cosa abbiamo già fatto

Nell’ottica di agire subito perché chi ha bisogno di aiuto non può attendere, l’associazione ha già messo in campo le proprie energie e, ad oggi, ha già sviluppato tutta la progettazione strutturale e architettonica del Progetto. Il Progetto, organizzato per fasi, prevede la ristrutturazione dell’ospedale esistente, senza interferire con l’ordinaria attività, e la realizzazione di una nuova ala di stanze di degenza e sale operatorie. Inoltre sono già pervenute offerte spontanee per la fornitura dei primi arredi per l’ospedale. Il tutto grazie all’impegno di alcune persone ispiratrici dell’iniziativa e di collaboratori esterni, che hanno prestato gratuitamente il proprio tempo libero per la realizzazione di questo sogno. Quanto più potremmo fare anche con la tua collaborazione?!


Come intendiamo proseguire

Con il tuo AIUTO!
Avremo bisogno di tutto e quindi i modi in cui, nel corso dei prossimi mesi, potrai contribuire a questa iniziativa sono molti.
Potrai:
- associarti ad Ambanjia Onlus
- lavorare con noi prestando la tua opera e il tuo tempo nelle molteplici attività che presto avvieremo
- donare danaro o beni aiutandoci così a realizzare il nostro progetto
- donare il 5 per mille della tua IRPEF
- semplicemente aiutarci a farci conoscere di più e meglio nell’ambito delle tue relazioni sociali

Richiedi chiarimenti necessari alla casella email info@ambanjaonlus.it.


E' possibile scaricare la presentazione più dettagliata qui.


Ultime Notizie

Stiamo crescendo!

Cari amici e amiche,
è con grande en [..]


I Racconti di Giuliano Candon: i componenti della nostra squadra e l'arte di costruire!

LA NOSTRA SQUADRA DI LAVORO

[..]


Ambanja Market presso Ex-UPIM a Udine

Cari amici e amiche,
il nostro progetto, [..]


Fai una donazione!

Scegli di dare un sostegno all'azione di Ambanja onlus attraverso una donazione online con carta di credito.


Dona


Aderisci all'associazione

Scarica la domanda di adesione, firmala e inoltrala a info@ambanjaonlus.it corredata della distinta di pagamento della quota associativa annuale di 25€/anno.


domanda di adesione


Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere aggiornato sulle ultime notizie